L’Associazione “Autismo, chi si ferma è perduto” presenta: “Autismo, La classe va a canestro

L’Associazione “Autismo, chi si ferma è perduto” presenta: “Autismo, La classe va a canestro

Salerno– Si è svolta oggi, presso la Sala del Gonfalone del Palazzo di Città, la presentazione del progetto “ Autismo la classe va a canestro”, promosso dall’Associazione “Autismo, chi si ferma è perduto”, in collaborazione con gli Assessorati alla Pubblica Istruzione e Politiche Sociali del Comune di Salerno.

Il progetto vede la partecipazione di classi di bambini autistici delle scuole salernitane. L’obiettivo che l’Associazione si prefissa è l’integrazione del bambino autistico nella società. “Autismo la classe va a canestro “ mira, attraverso il gioco del minibasket, ad intervenire sul comportamento dell’alunno in relazione alla collettività.

L’iniziativa rientra nell’ambito del progetto “Autismo una sfida da vincere” e completa un primo ciclo di interventi: seminari, corsi di formazione, supervisioni a scuola e costante attività di dialogo con i diversi enti pubblici. Inoltre, i genitori in sinergia con gli Assessori della Pubblica Istruzione e delle Politiche sociali e la collaborazione dei Dirigenti Scolastici e del loro Corpo Docente propongono un modello funzionale attraverso il quale si potrà creare una rete educativa che agisca nei diversi ambiti educativi.

L’Assessore alla Pubblica Istruzione, Eva Avossa ha sottolineato l’importanza delle istituzioni nella vita delle persone autistiche, sostenendo quanto la cooperazione scuola-famiglia possano migliorare le condizioni di vita dell’individuo: “ Bisogna rafforzare il sistema creando una rete che possa connettere scuola, genitori, associazioni e Stato. Attraverso lo sport, i bambini potranno relazionarsi tra di loro e apprendere l’importanza del rispetto delle regole”

Le prime scuole partecipanti saranno il 6° Circolo, Scuola “Medaglie d’Oro”, con la Dirigente Annamaria D’angelo, la Scuola Media di 1° Grado “N. Monterisi” con la Dirigente Concetta Carrozzo, l’Istituto Comprensivo “Barra Posidonia” con la Dirigente Anna Maria Grimaldi e l’Istituto Alberghiero con il Preside Gianfranco Casaburi.

Direttore U. O. di Salute Mentale ASL Salerno, Giulio Corrivetti: “La scuola deve aiutare le famiglie a gestire, e guidare il proprio bambino verso la vita. Il Basket, come metafora di vita, ci insegna a puntare in alto.- Conclude Corrivetti– Stare insieme è importante per imparare l’uno dall’altro”.

All’evento erano presenti: L’Assessore alla Pubblica Istruzione – Eva Avossa, l Direttore U. O. di Salute Mentale ASL Salerno – Giulio Corrivetti, La Dirigente Scolastica dell’Istituto Comprensivo “Barra-Posidonia” – Anna Maria Grimaldi Il Preside Vincenzo Giannone quale Presidente onorario dell’Associazione “AUTISMO, CHI SI FERMA E’ PERDUTO”.

Fonte:https://www.zerottonove.it/autismo-la-classe-va-canestro/