Le nuove solitudini nello specchio dei social, incontro sui giovani ed il bullismo lunedì 2 a Palazzo Sant’Agostino.

Le nuove solitudini nello specchio dei social, incontro sui giovani ed il bullismo lunedì 2 a Palazzo Sant’Agostino.

Lunedì 2 ottobre, alle ore 15:00, nel Salone Bottiglieri di Palazzo Sant’Agostino, sede della Provincia di Salerno, è stato organizzato un evento dal titolo: “Le nuove solitudini nello specchio dei social. Spicchi di vita dei giovani…di ogni età”.

Si affronterà un argomento di attualità come il bullismo e si discuterà delle nuove dinamiche sociali che scaturiscono dall’uso sfrenato, a volte incosciente ed inconsapevole, di internet ed in particolare dei social network.
Ai saluti istituzionali del Presidente della Provincia di Salerno, Dott. Giuseppe Canfora, faranno seguito vari interventi di professionisti di spessore che entreranno nello specifico dell’argomento. A fare gli onori di casa anche Eva Avossa, assessore all’istruzione del Comune di Salerno.
A seguire sarà la volta di Mariarosaria Vitiello, docente di matematica e fisica, consigliere politico del Presidente con delega alle politiche culturali, educative e scolastiche, ideatrice e organizzatrice dell’evento. Nel suo intervento la prof.ssa Vitiello illustrerà le necessità che hanno spinto la Provincia di Salerno all’organizzazione di un Osservatorio Provinciale per l’infanzia e l’adolescenza. L’Osservatorio permetterà non solo di portare alla luce un fenomeno in forte crescita, il bullismo, ma anche di offrire un’opportunità concreta di combatterlo coinvolgendo principalmente gli istituti scolastici, dove il fenomeno è sempre più frequente, ed anche quelle associazioni, meno conosciute, dove accadono casi spesso sotterrati e non risolti. L’Osservatorio nasce come punto di raccolta di dati e di opportunità di coordinamento delle iniziative che altre istituzioni, nello specifico dell’argomento, stanno adottando o hanno già divulgato nella Provincia di Salerno.
Seguiranno gli interventi specifici dei vari ospiti relatori. Ad aprire sarà la dirigente settore adolescenti ASL Salerno Rosa Zampetti che illustrerà le modalità di intervento e le tecniche adottate dall’Asl per dire no ai fenomeni del bullismo e del cyber bullismo.
Gli aspetti patologici dei fenomeni del bullismo e del cyber bullismo saranno illustrati da Aldo Diavoletto Psichiatra Infanzia e Adolescenza presso il Dipartimento di salute mentale ASL Salerno. Nello specifico Diavoletto incentrerà il suo intervento sui disagi e sulle psicopatologie nell’adolescenza, con particolare riferimento ad internet e i suoi coinvolgimenti.
Le conclusioni saranno affidate agli interventi di Elena Ferrara, senatrice Pd e prima firmataria del Ddl per la prevenzione del cyber bullismo.
A seguire interverrà Michele De Capola, Vice Questore Aggiunto Dirigente del Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni Campania “Napoli” che parlerà dei rischi e dei pericoli della rete internet, minori vittime e autori di reato.
Poi interverrà il dott. Pasquale Andria, Presidente del Tribunale per i minori e le famiglie, che relazionerà sull’argomento.
I saluti finali saranno affidati ad Angelica Saggese, senatrice Pd, e a Renato Pagliara, Dirigente MIUR Ambito Territoriale Salerno.

fonte: https://www.gazzettadisalerno.it/news/le-nuove-solitudini-nello-specchio-dei-social-incontro-sui-giovani-ed-bullismo-lunedi-2-palazzo-santagostino/

Progetto Erasmus Plus per una web-radio europea: 20 studenti europei a Palazzo di Città lunedì 2.

Lunedì 2 ottobre, alle ore 10.00, il Sindaco di Salerno Vincenzo Napoli e l’Assessore alla Pubblica Istruzione Eva Avossa riceveranno presso la Sala Giunta del Palazzo di Città 20 ragazzi provenienti da diversi paesi europei che, insieme agli studenti del Liceo De Santis di Salerno, parteciperanno nei prossimi tre anni ad un progetto Erasmus Plus relativo alla costruzione di una web-radio europea in collaborazione con diverse istituzioni europee: il Lycée Gustave Eiffel di Bordeaux (Francia), l’Universidad Complutense di Madrid (Spagna), RadioExpert di Brno (Repubblica Ceca), Red Tower Ltd di Londra (Regno Unito).

Dopo la prima riunione tenutasi nei giorni scorsi a Bordeaux, i rappresentanti delle quattro nazioni saranno a Salerno dal 1° al 7 ottobre.

fonte: https://www.gazzettadisalerno.it/news/progetto-erasmus-plus-web-radio-europea-20-studenti-europei-palazzo-citta-lunedi-2/

La Scuola è viva, la cerimonia al Teatro Augusteo

“La scuola è viva” è stato il motto della cerimonia di inaugurazione dell’anno scolastico 2017-2018 ,

il 22 settembre in un Teatro Augusteo di Salerno gremito di bambini, giovani studenti, dirigenti scolastici e docenti delle scuole di ogni ordine e grado della città.

L’Orchestra Musicale della Scuola Secondaria di I Grado “Nicola Monterisi” ha aperto le danze con gli inni nazionale ed europeo, accompagnata dal coro di tutti i presenti.

A dare il benvenuto alla scuola salernitana il primo cittadino, il sindaco di Salerno Vincenzo Napoli, con l’incoraggiamento a studiare crescendo insieme per il bene comune. E’ poi intervenuta l’assessore comunale all’Istruzione, Eva Avossa che ha ringraziato tutte le scuole cittadine , che partecipano da sempre al progetto di una città educativa con entusiasmo e impegno civico.

Improvvisamente la sala si è trasformata in un villaggio comunità, dove la giovanissima assessora regionale Lucia Fortini, ha esortato gli studenti a rispondere alle sue curiosità , alle sue domande, in un coinvolgimento generale che ha reso protagonisti del palco dell’Augusteo le narrazioni e i racconti di bambini e ragazzi intraprendenti , felici di parlare in pubblico disinvolti , gioiosi .

Loro , i veri attori sociali della scuola, quella militante , impegnata da sempre a tempo pieno, oltre le riforme e i continui cambiamenti di rotta, che rendono quotidianamente la scuola “viva” appunto come i progetti pomeridiani e serali che la Regione ha finanziato lo scorso anno e questo in corso per 25 milioni di euro in 550 scuole campane.

“ C’è bisogno di scuola ovunque e per tempi lunghi” ha affermato la dirigente dell’Ufficio Scolastico Regionale, Luisa Franzese affidando il testimone , in questa staffetta del Buon Anno scolastico, al discorso finale del Governatore della Campania , il Presidente Regionale Vincenzo De Luca .

“Investire nella e per la scuola è necessario per trasmettere valori – ha dichiarato con fervore il Presidente De Luca – perchè decisiva è la conoscenza per combattere bullismo, cyberbulismo, con la consapevolezza e il senso di responsabilità , all’insegna del rispetto come valore dominante, contro ogni forma di violenza”.

L’appello della conclusione di questa mattinata fuori scuola per la scuola alle famiglie e ai giovani è stato infine quello dell’orgoglio di appartenenza e identità, all’insegna della dignità e della libertà che non ha valori economici ma solo etici.” La povertà non è una condizione di cui vergognarsi– ha esortato Vincenzo De Luca in un plauso generale – ma una condizione umana che merita rispetto e solidarietà”.

La scuola ha anche questo compito civile e morale , ascolta, previene il disagio, lo cura , include, integra e ricordarlo a telefonini spenti a centinaia di studenti e docenti è stato oggi davvero necessario tra sguardi reali , applausi ed abbracci accorati, scambiandosi il buon anno sincero.

fonte: http://www.gazzettadisalerno.it/istruzione-2/la-scuola-che-cambia/la-scuola-viva-la-cerimonia-al-teatro-augusteo/

Tutta la città riunita per San Matteo, il racconto delle celebrazioni

Bagno di folla per il giorno della festa, della preghiera, della lode, del ringraziamento: la città si è chinata ai piedi di San Matteo

Tutta la città riunita per San Matteo, il racconto delle celebrazioni.

“Salerno è mia: io la difendo”. Bagno di folla per il giorno della festa, della preghiera, della lode, del ringraziamento: la città si è chinata ai piedi di San Matteo, il suo Santo Patrono.

La statua con il nuovo basamento, accompagnata dalle altre raffiguranti San Giuseppe, San Gregorio VII ed i martiri salernitani Ante, Gaio e Fortunato, ha sfilato in processione, seguendo il seguente itinerario: via Duomo, via Mercanti, Piazza Portanova, Corso Vittorio Emanuele, Via Cilento, Corso Garibaldi, via Roma, Largo Ragno, Via Portacatena, via Giovanni da Procida con rientro in Cattedrale.

Lungo tutto il percorso fatto dalla processione è stata predisposta una rete Wi-Fi di amplificazione (oltre 100 altoparlanti), secondo quanto riporta salernotoday, affinché tutti potessero coralmente partecipare. Il Duomo di Salerno e le strade del centro storico sono stati invasi, infatti, da migliaia di persone che hanno anche rallentato di parecchio il percorso della processione.

Aria di festa e clima più sereno, dopo il riavvicinamento Curia-Comune culminato lunedí scorso con l’ingresso della statua di San Matteo nell’atrio di Palazzo di Città per l’esposizione durata fino alle ore 18. Assente, l’arcivescovo Luigi Moretti, che è stato sostituito da don Biagio Napoletano, vicario generale della Curia salernitana.

Moretti ha accolto solo i Santi nel Quadriportico del Duomo procedendo con l’aspersione dell’incenso.

Tante sono state le figure delle Istituzioni accorse a rendere omaggio al Santo Patrono e alla Città tutta: Eva Avossa vice sindaco, gli assessori Gaetana Falcone e Mariarita Giordano, i consiglieri Ottobrino, Natella, Galdi, Santoro, Celano, Memoli, Polverino, D’Alessio, Naddeo. Presenti il senatore Fasano, il consigliere regionale Picarone, il sindaco di Baronissi Valiante, il deputato Iannuzzi. Presenti anche il Prefetto Malfi, il Comandante dei Carabinieri, Neosi, il Provveditore agli Studi Pagliara, nonchè Lello Ciccone e Andrea De Simone. Quest’anno i gonfaloni di Comune e di Provincia non sono mancati, a differenza dello scorso anno.

Commozione e sorrisi, dunque, per il rientro in chiesa delle paranze, intorno alle 22, tra applausi scroscianti e preghiere rivolte dagli innumerevoli salernitani che hanno preso parte alla processione in onore del Santo Patrono Matteo. “San Matteo ci invita a guardare il cielo ma sempre con i piedi fissi per terra. La sua parola ci permette di trovare nuova linfa verso la fede e la verità. Il male e il peccato non pagano mai, solo l’amore e la fede, come quelli dei nostri Santi, vincono sempre”, ha osservato l’Arcivescovo Moretti che ha accolto il ritorno delle statue dinanzi alla Cattedrale, accanto a cui è stato affisso uno striscione di ringraziamento per i fedeli. Ad illuminare il cielo, concludendo la giornata di festa, alle ore 24, lo spettacolo pirotecnico al Molo Masuccio.

Alla fine Salerno ha, infatti, avuto i tanto desiderati fuochi pirotecnici in chiusura delle celebrazioni del Santo Patrono Matteo, dopo ben 3 anni. Dal Porto Masuccio, a mezzanotte e mezza in punto è partito lo spettacolo di scintille e colori sull’acqua.

Tanti salernitani assiepati su tutto il Lungomare hanno assistito in rigoroso silenzio allo spettacolo, c’è stata anche una nuova platea d’eccezione che affollava il solarium della spiaggia di Santa Teresa, la spiaggia ha, infatti, avuto il suo battesimo “dei fuochi”.

Il battesimo ufficiale, questa volta, visto che lo scorso anno ci pensarono alcuni cittadini, e non il Comune, a offrire un “mini” spettacolo di fuochi fatti in casa.

fonte:

Scuola, al Teatro Augusteo anche De Luca: “Investiti 25 milioni di euro per i giovani”

Scuola, al Teatro Augusteo anche De Luca: “Investiti 25 milioni di euro per i giovani”

Torna il progetto “Scuola Viva” finanziato dalla Regione per 550 istituti in tutta la Campania, di cui 23 a Salerno e 90 in provincia

E’ stato inaugurato questa mattina al Teatro Augusteo di Salerno, il nuovo anno scolastico 2017-2018. Presenti il sindaco di Salerno Vincenzo Napoli, l’assessore regionale all’Istruzione, Lucia Fortini, l’assessore comunale all’Istruzione, Eva Avossa, la dirigente dell’Ufficio Scolastico Regionale, Luisa Franzese e il Governatore Vincenzo De Luca.
Con l’inno di Mameli e l’inno alla Gioia hanno aperto la cerimonia l’Orchestra Musicale della Scuola Secondaria di I Grado “Nicola Monterisi”.
Il progetto “Scuola Viva” è al suo secondo anno. Un finanziamento di 25 milioni di euro da parte della Regione Campania per un totale di 550 scuola di cui 90 in provincia e 23 a Salerno città.

“Questi sono anni preziosi dove non bisogna perdere tempo – ha dichiarato il Sindaco – Le cose che imparerete sono fondamentali, siete giovani avete una mente fresca e ora è il momento di acquisite tutti i saperi. Lo studio non e un dovere e un obbligo verso voi stessi. Non lo fate per altri ma solo per voi perché sarà il tesoro che potrete poi investire nel vostro futuro”. Il primo ad aprire il dibattito è stato il sindaco Vincenzo Napoli che con il cuore e con senso paterno ha parlato con i tanti giovani presenti, cercando di motivarli per puntare al futuro.

I temi affrontati sono stati tra i più disparati. Senso di responsabilità, studio, futuro, bullismo e cyberbullismo. Lungo il discorso conclusivo del Governatore De Luca che ha ringraziato i presenti, l’assessore Eva Avossa per il lavoro quotidiano svolto, il Prefetto e il Questore presenti a Teatro.

“Voglio fare un discorso di responsabilità – ha dichiarato Vincenzo De Luca – Quest’anno sarà più complesso grazie ai tagli del governo per l’acquisto per i libri scolastici. Se lo scorso anno le tasche del Comune avevano circa 20 milioni euro, oggi ne ha 7milioni di euro. Una scelta sbagliata quando hanno tagliato le provincie hanno tagliato i soldi per la manutenzione degli edifici scolastici danneggiando la scuola italiana. Quest’anno richiederà un ruolo importante dalle istituzioni. Ci avviciniamo a un modo nel quale la competizione sarà spietata. Ci sono migliori di ragazzi laureati che per vivere vanno fuori dall’Italia. Noi siamo chiamati a fare un lavoro enorme di modernizzazione del paese”.

E’ stato duro e sarcastico allo stesso tempo, ha raccontato di esperienze di quando era ancora Sindaco, di quando visitava le scuole e di quello che vedeva nei giovani incontrati nel suo cammino. Ha parlato di un’Italia che deve essere forte e lo può essere, solo se i giovani italiani avranno le motivazioni giuste per restare e creare possibilità. Si è avvicinato ai più giovani affrontano alcuni temi tipici come le droghe, l’alcol e il bullismo.

“La scuola deve essere gioia, allegria. Divertitevi ma sappiate che non c’è nulla di serio che non comporti rigore e sacrificio – ha continuato De Luca – Stiamo facendo un lavoro importante con il progetto Scuola Viva per tenere aperte le scuole nel pomeriggio e nelle serate, per questo la regione investe 25 milioni di euro per tenere aperte 550 scuole dai quartieri a rischio come a Napoli e Caserta dove in un quartiere l’unico punto di aggregazione è la scuola”.

Sul tema bullismo ha preso esempio dalla vicenda vissuta in prima persona dalla giovane Tiziana Cantore, suicida dopo un video divulgato in rete. “Penso al bullismo e un anno fa è morta Tiziana per un video messo in rete. Ragazze, già dalle elementari dovete imparare che oggi qualunque immagine, foto o video messo in rete diventa incancellabile per sempre e vi può rovinare la vita., questa cosa deve diventare un tabù. Non vale la pena di rovinarvi la vita, dovete resistere e dovete avere ironia quando dovesse capitare. Attenti alle tecnologie, non c’è niente di più moderno dell’umanità e dell’umano, guardare negli occhi un essere umano e continuare a leggere negli occhi di un altra persone la sua sofferenza e gioia – ha concluso De Luca – Fatevi una passeggiata. Queste sono i valori permanenti che dobbiamo difendere”.

fonte: http://www.asalerno.it/scuola-al-teatro-augusteo-anche-de-luca-investiti-25-milioni-di-euro-per-i-giovani/

Inaugurato l’anno scolastico a Salerno: a Torrione il taglio del nastro

Inno di Mameli, alzabandiera, preghiera del marinaio: la prima “campanella” del 2017 ha avuto un significato particolare per l’Istituto di Istruzione Superiore Statale Giovanni XXIII, scelto dall’amministrazione comunale come luogo simbolo per l’inaugurazione dell’anno scolastico. A Torrione, nella sede di via Moscati, c’erano l’assessore regionale alla scuola Lucia Fortini, il sindaco di Salerno Enzo Napoli, il vice sindaco Eva Avossa, rappresentanti provinciali e della Capitaneria di Porto. La cerimonia si è conclusa con un altro momento significativo: all’ingresso della scuola è stato scoperto un pannello realizzato da un artista salernitano, restaurato con l’aiuto degli studenti.

I numeri e le riforme

“Abbiamo scritto una lettera ai nostri 900mila studenti campani – ha detto l’assessore regionale Fortini – i ragazzi devono entrare a scuola sereni, motivati, senza timori. No al bullismo, sì all’integrazione e alla educazione. La Regione attraverso Scuola Viva lavora al servizio delle famiglie e del potenziamento delle competenze: 500 scuole in Campania sono aperte di pomeriggio. Non è solo un intervento di istruzione ma anche di politica sociale. Pure in merito alle vaccinazioni siamo stati tempestivi: a fine ottobre, d’intesa con l’Ufficio Scolastico Regionale, c’è stata la comunicazione e le famiglie si sono allineate. Molte si sono anche allarmate, perché in un primo momento non hanno capito che sarebbe stato necessario produrre in prima istanza solo l’autocerificazione. C’è stato l’assalto alle Asl che, in ogni caso, hanno retto”.

Gli auspici del sindaco Napoli

“Inizia il nuovo anno scolastico e come ogni inizio presenta speranze, sogni, entusiasmi di avventure culturali e umane – ha detto il primo cittadino Enzo Napoli – La scuola permane ancora oggi il più sicuro strumento in grado di rendere libere e consapevoli le umane coscienze. Solo il lavoro collettivo di tutti porterà i suoi frutti. I nostri ragazzi avranno al loro fianco dirigenti preparati e insegnanti motivati. L’entusiasmo dei docenti, l’abnegazione dei loro dirigenti renderà l’istituzione scuola attivamente formativa e responsabilmente competitiva in un’ottica di una sempre maggiore globalizzazione”.

Le priorità

“E’ il primo giorno per tantissimi alunni – ha detto il vice sindaco Avossa con delega alla scuola – alcuni hanno già anticipato l’ingresso in classe perché diversi Istituti hanno fatto leva sull’autonomia scolastica. Auguri di buon anno a tutti. Abbiamo assicurato la continuità dei servizi comunali, dov’era necessario. Ora la priorità è l’assistenza educativa per bambini con determinate problematiche, in particolare per quelli affetti da autismo”.

fonte: http://www.salernotoday.it/cronaca/anno-scolastico-inaugurazione-salerno-sindaco-14-settembre-2017.html

Salerno: inaugura l’anno scolastico, il mesaggio di Sindaco e Assessore

Nella mattinata di giovedì 14 settembre alle ore 10.30, il sindaco di Salerno Vincenzo Napoli e l’Assessore alla Pubblica Istruzione Eva Avossa hanno partecipato alla cerimonia di inaugurazione dell’anno scolastico 2017/18 all’Istituto di Istruzione Superiore Statale Giovanni XXIII (via Moscati 4, Salerno). In occasione dell’inizio delle attività didattiche, il primo cittadino e l’assessore hanno inviato una lettera a tutti gli istituti per augurare ai dirigenti, ai docenti, agli studenti e al personale scolastico l’augurio di buon lavoro da parte dell’amministrazione comunale.

«Cari Dirigenti, Docenti, Alunni,

inizia il nuovo anno scolastico e come ogni inizio presenta speranze, sogni, entusiasmi di avventure culturali e umane. La scuola permane ancora oggi, se non l’unico, certamente il più sicuro strumento in grado di rendere libere e consapevoli le umane coscienze. Solo il lavoro collettivo di tutti porterà i suoi frutti. I nostri ragazzi avranno al loro fianco Dirigenti preparati e Insegnanti motivati. L’entusiasmo dei Docenti, l’abnegazione dei loro Dirigenti renderà l’istituzione Scuola, attivamente formativa e responsabilmente competitiva in un’ottica di una sempre maggiore globalizzazione.

Sin dalla tenera età, gli adulti cittadini di domani, uomini e donne, dovranno applicarsi e studiare con rigore e passione perché solo così saranno in grado di affacciarsi senza lacune nella società. La nostra scuola è in grado di formare in maniera completa e consapevole, senza tralasciare nessun aspetto del sapere. Noi, culla di antiche culture, sappiamo anche accogliere con razionale adesione le prospettive dell’innovativo futuro.

Agli studenti chiediamo di essere appassionati e motivati, curiosi di conoscere e apprendere perché solo con la conoscenza si può creare e reggere un mondo solidale, multietnico e multiculturale, rispettoso e migliore di quello di ieri e anche di quello di oggi. Siete il nostro futuro. Studiate affinché quel futuro diventi vostro. Siate consapevoli della responsabilità che avete. Vivremo sempre più in un mondo migliore se voi, con la vostra cultura e i vostri insegnamenti, saprete renderlo tale. A tutti e singolarmente: Dirigenti Corpo Docente e non, Studenti, IL NOSTRO SINCERO AUGURIO DI BUON LAVORO».

Il Sindaco, Vincenzo Napoli

L’Assessore alla Pubblica Istruzione, Eva Avossa

fonte: https://www.salernonotizie.it/2017/09/14/salerno-inaugura-lanno-scolastico-mesaggio-sindaco-assessore/

Salerno: è suonata la campanella: in classe gli alunni della Vicinanza-Pirro

Salerno: è suonata la campanella: in classe gli alunni della Vicinanza-Pirro

Apertura anticipata delle aule per gli allievi dell’IC Vicinanza Pirro: oggi a partire dalle 8 i bambini della scuola dell’infanzia, della primaria e della secondaria inferiore sono rientrati in classe. L’inizio dell’anno scolastico ha offerto l’occasione per ringraziare l’amministrazione comunale dei lavori di ristrutturazione della facciata del plesso Vicinanza e della palestra della Pirro.

Pertanto alle 8.10 il sindaco Vincenzo Napoli e l’assessore alla Scuola, Eva Avossa, hanno salutato, assieme alla dirigente Sabrina Rega ed al consiglio d’Istituto, l’ingresso dei piccoli scolari dell’asilo e delle elementari. Alle 8.45, invece è toccato all’assessore con la delega allo Sport, Angelo Caramanno, fare gli auguro di un buon inizio a tutti gli allievi delle prime medie. “I lavori di messa in sicurezza della palestra – ha detto Caramanno a LIRATV– vanno visti nell’ottica di favorire le leve sportive e, su vasta scala, complice le prossime Universiadi del 2019, l’occasione per mettere mano ad una serie di impianti cittadini”.

Fonte:https://www.salernonotizie.it/2017/09/12/salerno-suonata-la-campanella-classe-gli-alunni-della-vicinanza-pirro/

Anniversario del bombardamento di Frascati. Eva Avossa ha partecipato alla commemorazione in rappresentanza dell’Amministrazione comunale salernitana

In occasione del 74°Anniversario del bombardamento di Frascati dell’8 Settembre 1943 si è celebrato a Frascati “Il giorno della memoria”.

Lo scorso venerdì, il vicesindaco Eva Avossa ha partecipato alla commemorazione in rappresentanza dell’amministrazione comunale salernitana. Dopo la Santa Messa, celebrata dal Vescovo di Frascati Raffaello Martinelli, la giornata è proseguita con la rievocazione dell’allarme antiaereo sul sagrato della Chiesa. Nel pomeriggio si è tenuto il corteo al monumento alle Vittime Civili che ha anticipato la cerimonia conclusiva.

fonte: http://www.battipaglia1929.it/2015-09-16-13-40-18/news-dalla-provincia/item/5236-anniversario-del-bombardamento-di-frascati-eva-avossa-ha-partecipato-alla-commemorazione-in-rappresentanza-dell-amministrazione-comunale-salernitana.html

Scuole dell’infanzia e vaccini, l’assessore Avossa: “Stiamo procedendo da protocollo”

“In relazione alle scuole dell’infanzia del Comune di Salerno – spiega l’assessore alla Pubblica Istruzione, Eva Avossa – si sta procedendo come da protocollo. I genitori entro il 10 settembre devono presentare domande di autocertificazione, accompagnate da un valido documento di identità, nel quale si attesta che il bambino/a ha effettuato le vaccinazioni di rito. Le scuole dell’infanzia comunali sono quattro: scuola di Piantanova (via Botteghelle), scuola Pio XII (piazzetta Pio XII), scuola San Giovanni Bosco (via San Domenico Savio), scuola di Torrione Basso (via de Leo). In questi ultimi tre istituti sono presenti anche le sezioni Primavera con bimbi dai 24 ai 36 mesi. In nessun caso, finora, si sono registrati episodi di allarmismo o criticità da parte delle famiglie”.

Fonte: https://www.salernoinweb.it/News/Salerno/18301-Scuole-dell%27infanzia-e-vaccini%2C-l%27assessore-Avossa%3A-%22Stiamo-procedendo-da-protocollo%22