Salerno: un oratorio per i giovani di Giovi

Salerno: un oratorio per i giovani di Giovi

Un impegno assunto personalmente dal governatore Vincenzo De Luca quello dell’oratorio di Giovi che, ieri pomeriggio, è stato inaugurato alla presenza del sindaco Napoli, la vice sindaco Eva Avossa, Monsignor Luigi Moretti, il consigliere regionale Franco Picarone, il consigliere comunale Massimiliano Natella e don Sabatino, il promotore di questa idea fortemente voluta per permettere ad un rione collinare come quello di Giovi di diventare luogo di aggregazione per i tanti giovani. Lo scrive il quotidiano Le Cronache oggi in edicola

«Giovi è uno dei quartieri collinari più belli, a cui abbiamo dedicato sempre una grande attenzione – ha dichiarato il numero uno di Palazzo Santa Lucia – Un impegno assunto personalmente e mantenuto per un punto di aggregazione e ritrovo per i tanti giovani, sollecitato da don Sabatino prima di andar via».

Soddisfatta anche la vice sindaco Avossa, impegnata in prima persona per la realizzazione della struttura, nonostante i vari problemi che si sono susseguiti nel corso dei lavori di realizzazione.

«A Salerno andiamo contro corrente. Mentre al nord le grandi strutture sono in crisi, noi stiamo crescendo molto. Stiamo purtroppo limitati nei locali, le nostre parrocchie non hanno grandi ambienti. Però credo che si stia facendo un cammino importante», ha dichiarato invece monsignor Moretti, secondo cui l’oratorio svolge funzioni importanti in quanto è una forma di proposta educativa importante che tocca la vita nella sua normalità e coinvolge molto sia adulti che educatori.

Tra i sostenitori dell’oratorio anche il consigliere socialista, Massimiliano Natella: «Si, è un momento che aspettavamo da anni. Sicuramente è un momento di gioia per l’intera comunità. Questa struttura è il coronamento di un sogno della comunità e di quella parrocchiale in particolare.

E’ anche il prosieguo di un’attività che iniziò l’amministrazione comunale qualche anno fa con il rifacimento dei sagrati di tutta la città come questo di Giovi. La volumetria che si era utilizzata per il sa grato è stata utilizzata oggi per una struttura che sarà al servizio della comunità e del quartiere».

La struttura che dovrà ospitare i ragazzi è completa ma tanto l’amministrazione comunale quanto il parroco don Salvatore Aprile, si sono appellati alla volontà della “provvidenza” che altri non è che il governatore De Luca per portare a termine il progetto e dotare la struttura di un campo di calcio e dell’orto didattico.

«Ci auguriamo che il secondo step avvenga quanto prima con la realizzazione del campo e del parco», ha infatti aggiunto Natella. «Sono delle opere utili perché da un lato sono centri di aggregazione. Luoghi dove è possibile scambiarsi esperienze fuori dal circuito web e dei social media.

Qui ci si incontra in carne ed ossa. Gli oratori e le parrocchie sono presidi di democrazia», ha invece dichiarato il primo cittadino di Salerno Enzo Napoli. Insomma, un traguardo per la comunità di Giovi che vanta oggi il suo oratorio.

fonte: salernonotizie

Assistenza computer salerno e provincia Urban Nature del Wwf, presentato il progetto al Regina Margherita

Il video “La Finestra sul cortile” si è classificato tra i primi tre vincitori e il 7 ottobre sarà premiato a Roma nella giornata nazionale di Urban Nature.

Presentati al liceo statale Regina Margherita di Salerno i lavori multimediali realizzati dagli studenti in merito all’evento “Urban Nature Video e Spot in gara, un impegno per la natura delle nostre città”. Nella giornata di ieri i progetti sono stati presentati contemporaneamente in 19 istituti scolastici di tutta Italia. Durante la presentazione erano presenti anche il vice sindaco Eva Avossa e l’assessore Angelo Caramanno. Una grande affluenza da parte di studenti e insegnanti per Urban Nature. Si tratta di una iniziativa organizzata dal Wwf che ha visto la partecipazione di centinaia di studenti italiani. Anche gli allievi delle attuali classi 4s e 5s, dell’indirizzo di Scienze Applicate, coordinati dalla professoressa Marilena Loia, referente scolastica del progetto, hanno partecipato al video contest nazionale, realizzando un video e due spot.

Il video “La Finestra sul cortile” si è classificato tra i primi tre vincitori assoluti e il 7 ottobre sarà premiato a Roma nella giornata nazionale di Urban Nature.

fonte: asalerno

Musica, libri e mostre per il trentennale di Greenpeace Salerno

Trent’anni di attivismo, di azioni coraggiose e di impegno per la tutela dell’ambiente. Il gruppo locale Greenpeace di Salerno spegne le candeline festeggiando fino a domani, ricche di eventi per ripercorrere la storia del gruppo e ricordare i momenti più coraggiosi che hanno caratterizzato il percorso fatto fino ad oggi. Ieri è stato presentato il programma della tre giorni di iniziative dal fondatore del gruppo Greenpeace Salerno e già vice presidente di Greenpeace Italia Gianpiero Meo, dal direttore delle campagne di Greenpeace Italia Alessandro Giannì , il vice sindaco Eva Avossa , l’assessore all’ambiente Angelo Caramanno e l’assessore alle politiche giovanili Mariarita Giordano . «Salerno è stata teatro di situazioni talvolta drammatiche – ha sottolineato il fondatore di Grenpeace Salerno Gianpiero Meo con sbarchi di navi che portavano tronchi tagliati illegalmente dall’Africa e venivano commercializzati. Il nostro era un porto comodo per lo smistamento, quindi, ci siamo trovati a bloccare le navi rischiando spesso anche la vita. Inoltre, questo compleanno è ancor più sentito perchè lo dedichiamo a Paola D’Amore, una nostra attivista scomparsa di recente». Fino a domani sera negli spazi della Lega Navale si potrà parlare di tematiche ambientali che interessano il territorio di Salerno con i volontari presenti all’interno degli stand espositivi. Sarà trasmesso il documentario “Trent’anni di Greenpeace a Salerno” di Alfio Giannotti , si potrà visitare la mostra fotografica “Un mare di plastica” e premiare gli scatti più belli. Domani mattina dalle 9 sono previste uscite in barca per la campagna “Meno plastica più Mediterraneo”. Dalle 21 in poi invece sarà la musica la protagonista delle tre serate con gli Indieficio15, Aliante, Tony Borlotti e i suoi Flauers e ancora i Kaddish e la compagnia Daltrocanto. «Per fare un percorso del genere ci vuole anche un pizzico di follia – ha detto l’assessore Caramanno – perché oggi le tematiche ambientali sono difficili da portare avanti a causa di caratteri sia culturali che economici. Ma è importante per noi scendere in campo, mettere la corazza e lavorare con tutti per una cultura ambientalista». «Se non ci fossero state persone che avessero creduto nelle loro cause come ha fatto Greenpeace – ha evidenziato l’assessore Giordano – sarebbe stato molto più difficile dare risonanza a tematiche così devastanti per l’ambiente». Presentato dal direttore Alessandro Giannì il libro “Greenpeace – i Guerrieri dell’Arcobaleno in Italia” a cura di Ivan Novelli : «Greenpeace spinge ad azioni coraggiose e necessarie e il libro parla proprio delle decisioni di tante persone che hanno voluto mettersi in gioco per portare avanti il loro impegno per la tutela dell’ambiente».

fonte: lacittadisalerno

Il bilancio 2017, le sfide e le diffide sui rifiuti: parla il sindaco Enzo Napoli

Il bilancio 2017, le sfide e le diffide sui rifiuti: parla il sindaco Enzo Napoli

Incontro con Salerno Pulita: inviata una lettera di diffida. Poi l’elenco degli interventi da realizzare o completare: Piazza della Libertà, l’Auditorium, il Piano per le periferie, sicurezza, eventi, la solidarietà, la ristrutturazione delle aree mercatali

Insieme al vice sindaco Eva Avossa, che definisce “l’altra metà del cielo”, il primo cittadino di Salerno Enzo Napoli riunisce i giornalisti, gli assessori ed i consiglieri a Palazzo di Città e fa il bilancio del 2017 ormai agli sgoccioli. “Alcuni flash”, esordisce il sindaco. Si parte da Luci d’Artista: “Città sicura, la macchina organizzativa ha retto. Oggi si tiene anche un ulteriore tavolo per la sicurezza in Prefettura”. Poi “le sciabolate”, come le definisce in apertura. “Il cantiere di Piazza della Libertà è stato dissequestrato ed i lavori ripartono – dice il sindaco – A giorni inauguriamo l’Auditorium. Ci sono state difficoltà di carattere burocratico: mancavano alcuni dettagli e documenti per l’agibilità ma adesso abbiamo chiuso il cerchio. Sono stati sbloccati i finanziamenti regionali per il collegamento tra via Magnone e il Rione Petrosino: la gara d’appalto a febbraio. A gennaio beneficeremo di altri 3 milioni di euro per i lotti di manutenzione a Viale dei Pioppi”.

Il piatto forte

“Il Piano per le Periferie, con un investimento complessivo di 18 milioni di euro, è il piatto forte per l’anno che sta per cominciare – dice Enzo Napoli – poi il piano urbanistico comunale e la variante, la ristrutturazione di Corso Vittorio Emanuele, la variante in via San Leonardo, la ristrutturazione delle aree mercatali, il parco giochi a ridosso del Teatro Verdi. Lavoriamo alla riorganizzazione del commercio ambulante, stiamo procedendo con il potenziamento della linea metropolitana ma soprattutto della fibra ottica in città”. Poi l’innovazione. “Un Palazzo, quello di Santa Sofia, sarà destinato all’innovazione – prosegue il primo cittadino – E’ stato fatto un bando di evidenza pubblica: saremo pronti con l’inaugurazione a gennaio. Stiamo portando avanti a fatica il piano occupazionale: 150 posti per implementare la pianta organica comunale con 23 vigili urbani – mobilità obbligatoria – ed altre assunzioni per altre categorie di specializzazione”.

Le criticità

C’è stato un incontro stamattina con il presidente di Salerno Pulita, alla presenza dell’assessore al bilancio Roberto De Luca. “Ci sono criticità innegabili – ha commentato il sindaco di Salerno – Abbiamo spiegato che c’è bisogno di un interlocutore unico per la gestione dei rifiuti. Ho scritto una lettera di diffida: bisogna dare seguito a quanto concordato in Prefettura. La lotta è serrata: 230 verbali per abbandono dei rifiuti, 900 bonifiche effettuate, 340 verbali per i parcheggiatori abusivi i quali non pagano la multa ma almeno li puniamo con il DASPO. Poi 850 verbali a meretrici e clienti, 12 provvedimenti di espulsione emessi a carico di extracomunitari. Siamo intervenuti nel parco di via Martuscelli e di via Moscati; abbiamo riqualificato piazzetta Cacciatore e poi effettuato interventi al Parco Arbostella e al Rione Zevi”.

fonte: http://www.salernotoday.it/cronaca/bilancio-sindaco-salerno-enzo-napoli-29-dicembre-2017.html

Bruxelles, Avossa (Vice Sindaco Salerno) al Parlamento EU per Caschi Blu del Mare

Bruxelles, Avossa (Vice Sindaco Salerno) al Parlamento EU per Caschi Blu del Mare

l Parlamento Europeo ha accolto oggi la delegazione dei “Caschi Blu del Mare”, il progetto sviluppato dalla federazione mondiale degli sport subacquei (CMAS). Ad accogliere nella sede di Bruxelles la delegazione, il membro del Parlamento Europeo Silvia Costa ed il vicepresidente del Parlamento Europeo David Sassoli. “Dopo i Caschi Blu della Cultura” ha affermato Silvia Costa, “sono nati i Caschi Blu del Mare. È necessario ricordare che il patrimonio culturale, naturalistico e ambientale è un bene dell’umanità da condividere e tutelare insieme”. David Sassoli, vicepresidente del Parlamento Europeo, ha dichiarato: “Sono molto felice di accogliere in Parlamento europeo la delegazione dei “Caschi Blu del Mare”, un´iniziativa molto innovativa e di successo che ha permesso a tanti giovani di vivere autentiche esperienze di integrazione con la concreta possibilità di lavorare insieme ai loro coetanei migranti”. A guidare la delegazione era presente Anna Arzhanova, Presidente CMAS: “I Caschi Blu del Mare sono stati costituiti per salvaguardare la pulizia dell’ambiente marino, educare alla tutela e conservazione dell’ambiente marino, promuovere delle campagne per la pulizia del mare e recuperare i tesori nascosti sott’acqua. Read More

Campania Differenzia: presentati i risultati del progetto sul ciclo integrato dei rifiuti urbani

Campania Differenzia: presentati i risultati del progetto sul ciclo integrato dei rifiuti urbani

È partito oggi martedì 13 dicembre da Salerno la serie di seminari tecnici di presentazione dei risultati del progetto “Campania Differenzia” e delle modalità per contribuire a migliorare l’efficienza e l’efficacia del ciclo integrato dei rifiuti urbani dei comuni della Regione Campania.

L’obiettivo di questi incontri è quello di fornire una panoramica degli strumenti che il progetto ha realizzato con il preciso scopo di supportare i Comuni negli adempimenti e le opportunità della gestione associata anche alla luce della recente legge regionale, con approfondimenti mirati a favoriscono la riduzione alla fonte e il riutilizzo nell’ambito dell’attuazione della legge “Gadda”. Verranno poi presentate le azioni per ridurre la quantità di rifiuti destinati a smaltimento e per massimizzarne il recupero/riciclo. I dati sulle frazioni merceologiche. La strategia regionale. Completeranno l’evento l’esperienza dei Laboratori con un panel di Comuni campani.

“Il buon risultato dell’incontro di oggi è rappresentato dall’entusiasmo dei bambini che hanno ascoltato, raccontato e dimostrato grande interesse al tema dello spreco alimentare. I bambini hanno sperimentato e riflettuto sullo spreco di cibo nelle loro case, a scuola, andando nei negozi dimostrando che la lotta allo spreco ha una consapevolezza accresciuta. L’auspicio è che esperienze come quella di oggi possano essere ripetute anche in altri istituti”. Così il vicesindaco e assessore all’Istruzione del Comune di Salerno, Eva Avossa, commenta i dati sulle attività di prevenzione e sensibilizzazione contro lo spreco alimentare presentati in una conferenza stampa, organizzata nell’ambito del primo incontro regionale del progetto Campania differenzia.

Realizzato sotto forma di laboratorio didattico, con la collaborazione di Last Minute Market (srl e spinoff dell’Università di Bologna) e l’istituto comprensivo Gennaro Barra/Lanzalone, il progetto di lotta allo spreco a Salerno si è realizzato “tramite un focus specifico sull’argomento dell’educazione alimentare – riferisce l’assessore – e ha visto la partecipazione di esperti e addetti al settore che hanno illustrato anche le opportunità che ci vengono offerte dalla nuova legge sullo spreco alimentare”. Una legge che secondo l’assessora salernitana “aiuterà a sburocratizzare le azioni di recupero delle eccedenze alimentari da destinare alle fasce più deboli”. “Ringrazio l’Anci e tutti i partecipanti per l’opportunità – ha concluso l’assessore Avossa –. Quella di oggi è la dimostrazione che azioni concrete sono possibili”.

Fonte: http://www.ecodallecitta.it/notizie/386702/campania-differenzia-presentati-i-risultati-del-progetto-sul-ciclo-integrato-dei-rifiuti-urbani